Asllani: "Il 22 Maggio 2010 ho capito di amare questa squadra"

In una lunga lettera aperta a Cronache di spogliatoio il giovane centrocampista ha ripercorso tutta la sua vita

Scritto da Marco Diluca  | 

Ci ha messo poco ad impressionare tutti i tifosi nerazzurri. Arrivato come vice Brozović, Kristjan Asllani è entrato subito nelle grazie del pubblico interista. In queste ore ha scritto una lunga lettera aperta a Cronache di Spogliatoio dove ripercorre le tappe della sua carriera, da quando era un bambino fino all'approdo in nerazzurro.

-La sagra dello Stringozzo 

La Sagra dello stringozzo è un appuntamento imperdibile dalle mie parti. A Buti ci sono arrivato quando avevo due anni, partendo con la mia famiglia dall’Albania. Al Parco Danielli, d’estate, i ragazzi invece delle scarpe da calcio e delle magliette dei campioni, si vestono con le t-shirt più strane del loro armadio e infilano il grembiule bianco, volando tra i tavoli per preparare e servire la cinta senese.”

-L'Inter, il sogno di una vita

“Due anni dopo, beh, ho dovuto saltare la sagra perché ho coronato il sogno di diventare un giocatore dell’Inter. Che emozione aver ricevuto quel messaggio da Javier Zanetti: «Benvenuto all’Inter, Kristjan». Sono mezzo svenuto. Mentre i miei migliori amici servivano ai tavoli, io mi sono ritrovato nella stessa stanza di Romelu Lukaku per fare la prova sotto sforzo durante le visite mediche.”

-Una vita da Interista 

“Nel 2010 avevo 8 anni e in punta di piedi al bar, in mezzo agli anziani più alti di me, cercavo di vedere un pezzetto di schermo con la finale di Champions League contro il Bayern Monaco. Quella notte ho capito che amavo questa squadra. Si sentivano le sedie fremere sulle mattonelle quando Milito ha puntato Van Buyten, poi non ci abbiamo capito più niente. Mi ricordo che è volato per terra qualche bicchiere, e io saltavo e saltavo.Non era un segreto, lo sapevano tutti. Tifavo Inter”

-L'Inter nel destino 

“Nel giro di un anno ho vinto il campionato Primavera, eliminando l’Inter in semifinale con un gol su punizione; ho segnato il primo gol in Serie A contro l’Inter a San Siro. E alla fine sono diventato nerazzurro, anche se lo sono sempre stato. ”

 

LEGGI ANCHE → Škriniar - PSG si aspetta la cessione di Kimpembe?


💬 Commenti