Inter, perchè per il dopo Lukaku Zapata - Dzeko sarebbe una buona operazione

Scritto da Filippo Rivani Farolfi  | 

Ormai ci siamo. Mancano visite mediche e annunci ufficiali, poi Romelu Lukaku diventerà ufficialmente un calciatore del Chelsea, ma già oggi l’affare è chiuso.

Per l’Inter non c’e tempo da perdere e si deve subito guardare al dopo Lukaku. Il budget a disposizione di Ausilio e Marotta, per volontà chiara di Zhang, è poco: non più di una cinquantina di milioni di euro.

Premesso che Lukaku è insostituibile, i nerazzurri devono e possono mettere una pezza all’addio del belga. Tra i tanti nomi che circolano in queste ore i più probabili sono Zapata e Dzeko, con l’alternativa Correa solo per il caso in cui l’Inter non arrivasse all’attaccante colombiano. Poco percorribile la pista Vlahovic, Commisso chiede 60 milioni di euro per il bomber serbo.

L’accoppiata Dzeko - Zapata, pur con le dovute proporzioni e consapevoli del valore di Lukaku, sarebbe l’operazione migliore per l’Inter. Il colombiano, infatti, nonostante sia 30enne ha una forza fisica importante che permetterebbe ad Inzaghi di continuare a lavorare sullo schema di gioco basato sul “9” fisico e sul “10” di movimento alla Lautaro Martinez. Zapata, inoltre, viene da 56 goal nelle ultime tre stagioni con la Dea, ha giocato la Champions League ed è abituato a giocare in una squadra che ormai lotta per i vertici del campionato italiano, non proprio l’ultimo degli arrivati.

Dzeko, invece, è ben più avanti con le primavere: 35 anni già compiuti per il bosniaco. La condizione fisica, ovviamente, ne risente ma il talento non si discute. Un centravanti capace di fare reparto da solo che, se usato con il contagocce e quindi come riserva di un altro “9”, puó ancora dire la sua.

Dzeko e Zapata, inoltre, permetterebbero all’Inter di allungare il reparto offensivo che da 2 anni è fermo a 3 giocatori di numero, di cui uno (Sanchez) spesso acciacciato. Pinamonti e, prima di lui, Esposito e Politano non hanno mai rappresentato delle valide alternative. Mentre Zapata, Lautaro, Sanchez e Dzeko permetterebbero ad Inzaghi una scelta più ampia e, conseguentemente, un maggior turnover.

La cessione di Lukaku - ovviamente - pesa tantissimo. Il valore del belga è insostituibile ma l’Inter puó mettere una pezza (e cioè allestire una rosa da 4^ posto) con la coppia Dzeko - Zapata. Pur con le dovute proporzioni sarebbe il meglio per i nerazzurri in questa situazione.


💬 Commenti