La lista dei buoni e dei cattivi dell'Inter: chi arriva e chi per parte

Ci sono le vacanze natalizie ma non per il calciomercato. Tutti i nomi in entrata e in uscita programmati dall'Inter

Scritto da Manuel Delon  | 

L'albero, le decorazioni, i regali, i maglioni indossati in casa, le calze appese sul camino o dove c'è posto, le maratone di migliaia dei soliti film, le abbuffate, i pasti interminabili e quel dolce calore casalingo che si contrappone al gelido vento che c'è fuori per le strade: sono arrivate le vacanze natalizie. Ma si sa, per il calciomercato non esiste la parola vacanza nel suo vocabolario.

E come Babbo Natale fa la sua lista dei buoni e dei cattivi bambini per consegnare i suoi regali, anche le società di calcio fanno le loro per programmare il mercato che il primo dell'anno aprirà i battenti. Ma a differenza di quella di Santa Claus, quelle che stilano i vari dirigenti comprendono davvero i "bambini cattivi", o meglio: i calciatori che non fanno più parte del progetto e pertanto, qualora dovesse presentarsi l'opportunità, destinati a fare le valigie e cambiare squadra.

Per quanto riguarda l'Inter, la lista è alquanto lunga ma come ben sapete, vista le difficoltà sia generali del calcio che individuali della proprietà, la categoria dei "bambini buoni", cioè degli obiettivi di mercato, dipenderà dalle uscite che la società riuscirà a piazzare. 

CESSIONI PROGRAMMATE - Col piede sulla partenza ci sono abbastanza calciatori pronti a salire su un aereo e virare altrove. Stando a quanto hanno riportato più media e quotidiani sportivi, tra i nomi in procinto di salutare Milano e dirle addio c'è Vecino, al quale spetta decidere se partire o restare: al momento gli si sono proposti diversi club della premier (come il Leicester) e  la Roma, suggestionata dall'idea di uno scambio tra l'uruguaiano e Villar. Anche Kolarov è sulla via dell'addio: sulla sua strada si sono palesare tre vie, ovvero restare all'Inter con il ruolo di uomo spogliatoio ma di poco campo, o andare altrove per cercare di avere più minutaggio oppure appendere gli scarpini al chiodo e ritirarsi dal calcio giocato; in ogni caso la scelta spetterà al Serbo. Pure Sensi, al quale la società ha lasciato carta bianca per scegliere se restare o andare a giocare in prestito e avere più spazio: tra le squadre interessate ci sono l'Empoli e il Sassuolo. Compare anche il nome di Perisic: al momento il punto d'incontro per il rinnovo sembra complicato e l'Inter non dispera di convincerlo in caso di mancanze di offerte che lo spingano altrove. Per ultimo Handanovic, la società meneghina sarebbe anche disposta a prolungargli il contratto ma sulla base di un ingaggio dimezzato rispetto a quello attuale e solo se lo sloveno accetterà il ruolo di vice Onana; inoltre pare che nelle ultime ore Ramadani, il suo agente, abbia sondato il terreno chiedendo a Tare cosa pensasse di un possibile approdo del portiere nerazzurro alla Lazio.


OBIETTIVI DI MERCATO - Sul taccuino dei dirigenti di Viale della Liberazione non sono pochi i nomi sui quali l'Inter vuole tentare il colpo. Come riportato dalla stampa generale sportiva, la priorità dell'Inter è quella di acquistare un esterno che corra lungo la fascia sinistra per Inzaghi. Tra i nomi caldi c'è quello di Filip Kostic dell'Entracht Francoforte: i nerazzurri, dovesse andare in porto un'uscita programmata, vorrebbero anticipare la concorrenza e portarlo a Milano. Come alternativa, il profilo indicato dalla dirigenza meneghina è quello di Lucas Digne dell'Everton, su cui c'è una notevole concorrenza (Napoli e Chelsea su tutti). Nel frattempo i nerazzurri hanno ricevuto l’ok per prendere il terzino francese in prestito ma il club inglese vuole inserire nelle clausole del contratto l'obbligo di riscatto. Più defilato quello di Mohamed Fares del Genoa, sulla lista dei cedibili del club rossoblu, monitorato dagli scout dell'Inter ed ex pupillo di Inzaghi quando ai tempi allenava ancora la Lazio. A lungo raggio, ovvero non necessariamente un colpo finalizzato a chiudersi nell'imminente sessione di mercato, nella lista di Marotta e Ausilio ci sono Bremer del Torino, con il quale sono stati avviati dei contatti tramite il agente; Ginter, in prossimità alla scadenza del suo contratto che lo lega al Borussia Mönchengladbach, sul quale la concorrenza è fitta ma l'Inter in corsa; infine Frattesi, nome che piace molto alla dirigenza di Viale della Liberazione ma per il quale la partita per averlo e strapparlo alle concorrenti è ancora apertissima.

Questo è tutto, non resta che aspettare i soliti "ulteriori aggiornamenti per scoprire come si evolveranno le varie vicende". Buone feste e fate i bravi.

 

LEGGI ANCHE: Inter, situazione rinnovi: da Brozovic a Perisic passando per Skriniar


💬 Commenti