Inter, giorni nerissimi sul mercato, speranza Skriniar

Iniziò di settimana durissimo per i nerazzurri che perdono Dybala e Bremer. È necessario però, mantenere la calma.

Scritto da Alberto Locatelli  | 

Il lunedì nero interista è stato senza dubbio il 18 luglio, la giornata in cui si è materializzato il passaggio di Dybala alla Roma e di fatto, anche quello di Bremer alla Juventus. 
 

In un clima di fisiologici sfottò ricevuti e tanta delusione, i tifosi nerazzurri sono sicuramente amareggiati, soprattutto dopo che si erano illusi, con lo sbarco di Lukaku a giugno, di vivere una sessione estiva memorabile. Gli imminenti acquisti di Bremer e Dybala sono diventati sempre più una chimera fino a firmare per altre due squadre del nostro campionato. In questi momenti di mugugni e musi lunghi, cerchiamo di salvare il salvabile e di presentarci ai nastri di partenza con la possibilità di competere.

Dybala rappresentava una sontuosa opportunità a parametro zero, con annesso sgarbo alla rivale di sempre; Bremer il profilo perfetto per rinforzare la difesa o per affrontare la cessione di Skriniar. Dopo mesi di accordi e contatti tutto è andato in fumo. Ora diventa fondamentale non vendere Skriniar: se si tiene lo slovacco e si puntella la difesa con un profilo tipo Milenkovic, la retroguardia potrebbe uscirne comunque bene, considerando che, se non arriveranno offerte degne del suo valore, De Vrji rimarrà un‘altra stagione andando a scadenza. 
Altresì dicesi per l’attacco, che con l’arrivo di Lukaku ha ricreato una coppia straordinariamente ben assortita con Lautaro e che fa paura a tutti. A completare il reparto ci saranno probabilmente Dzeko e Correa, sperando diano garanzie (soprattutto Correa) a livello fisico.

Ora tutto, o quasi, in casa Inter gira intorno a Milan Skriniar. Se l’Inter dovesse decidere di privarsi del centrale slovacco, a quel punto si che il rischio di una rivolta popolare sarebbe alle porte. Siamo delusi, ma pronti ad accettare questi due acquisti mancati, nella speranza che la nostra situazione finanziarla si risolva al più presto vista l’oggettiva Impossibilità di privarsi ogni anno di qualche pezzo da novanta. Delusi, ma aggrappati a Skriniar: l’ultimo baluardi a cui ci e concesso aggrapparci. E a cui anche la società farebbe bene a tenersi appigliata. 


💬 Commenti