Inter, il centro della crisi nell’inaffidabilità della panchina

Le riserve nerazzurre hanno dimostrato nell’arco della stagione di essere inaffidabili e i titolari ne risentono.

Scritto da Filippo Rivani Farolfi  | 
Lautaro Martinez vs Liverpool, fonge: profilo Twitter Inter.

L’Inter è in crisi: non vince da più di un mese in campionato e l’ultimo goal risale a più di 400 minuti fa.

La vera origine di questa crisi, però, nasce dalle riserve e dalla loro totale inaffidabilità. Se il reparto difensivo, nel complesso, si salva con Ranocchia, D’Ambrosio e Dimarco che - seppur con dei limiti - non hanno mai sfigurato, a centrocampo e in attacco mancano totalmente dei giocatori che possano far rifiatare i titolari. Partendo dalla zona nevralgica del campo, Brozovic non ha - neppur in lontananza - un vero vice. Questa grave mancanza nella rosa nerazzurra è stata evidenziata in maniera sin troppo lampante nella partita casalinga con il Sassuolo dove al posto del croato ha “giocato” Barella, dimostrandosi totalmente incapace di ricoprire il ruolo del n.77 nerazzurro. Proprio lo stesso centrocampista della nazionale di Mancini sta dimostrando una flessione nel rendimento piuttosto evidente. Anche nel suo caso avere una riserva affidabile permetterebbe ad Inzaghi di gestire meglio Barella. Vidal, Vecino e Gagliardini, peró, si sono dimostrati decisamente non all’altezza della situazione finendo spezzo (le eccezioni sono davvero una rarità) nella lista degli insufficienti. 
 

La situazione in attacco non è molto diversa e, infatti, sia Dzeko che Lautaro Martinez sono costretti a giocare quasi tutte le partite senza potersi dosare. Correa, infatti, ha passato più tempo in infermeria che in campo, togliendo una risorsa importantissima per il gioco di Inzaghi. Sanchez, invece, è il classico giocatore discontinuo e altalenante, capace di alternare buone prestazioni ad altre totalmente incolori. Ecco quindi che, sommati Correa e Sanchez, esce un mix perfetto capace di costringere il mister a chiedere gli straordinari al suo n.9 e al suo n.10. Il risultato è che sia Dzeko che Lautaro stanno attraversando un periodo dove la mira scarseggia e il goal non arriva.

L’Inter deve ritrovarsi, le riserve non sono all’altezza ma con il rientro di Correa e di Gosens la situazione può cambiare. Inzaghi e i tifosi ci sperano.
 

 


💬 Commenti