Simone e la cooperativa del gol

Undici marcatori in cinque giornate di campionato, l' Inter è una macchina da gol

Scritto da Marco Diluca  | 

Senza Lukaku l'Inter farà meno gol. La frase che abbiamo ascoltato e ripetuto come un mantra in questa rovente estate, per fortuna che poi c'è il campo, per fortuna che il calcio non è una scienza esatta, e così, dopo cinque giornate di campionato la situazione è diametralmente opposta a quella prospettata durante le sfiancanti trattative estive.

Simone Inzaghi, al Franchi, ha definito, sorridendo, la sua squadra una “cooperativa”, definizione che calza a pennello direi. L'Inter ha mandato in rete, in sole cinque giornate di campionato, ben undici giocatori diversi, un vero e proprio record, un dato incredibile, specie se lo abbiniamo al fatto che Inzaghi ha messo già in campo tutti gli elementi della rossa, esclusi Radu e Cordaz, un dato particolare che lancia anche un messaggio forte: tutti sono utili alla causa, anche le seconde linee.

L'Inter di Lukaku è diventata l'Inter di tutti, Inzaghi ha alzato il baricentro della squadra e ha concesso ai singoli giocatori maggiore iniziativa e libertà d'azione, non più una schiera di soldatini ordinati che seguono sempre lo stesso schema, ma trecento spartani battaglieri con pieni poteri, tutti uguali e pronti a prendere l'iniziativa.

Ecco spiegata la cooperativa del gol, dunque, una concezione di calcio corale, che pur avendo i suoi punti fermi, si esprime sfruttando ogni singolo elemento della rosa, basti pensare che contro la Fiorentina è entrato uno dei giocatori più discussi in questi anni, Gagliardini, e subito dopo ha fornito un assist a Perisic, passato da esterno ad attaccante.

E come al solito, nel calcio, le impressioni e considerazioni, vengono supportate dalla scienza empirica dei numeri, l'Inter ha realizzato 18 gol, e, con una media di 3,6 gol a partita, è seconda solo al Bayern Monaco nei cinque principali campionati europei. I nerazzurri hanno dimostrato di saper segnare in tutti i modi: contropiede, palla inattiva, costruzione dal basso, Inzaghi ha vinto ogni partita in modo diverso, in rimonta, di goleada e anche in maniera cinica. Come sempre, ci sono ancora tante cose da migliorare, ma per il momento, i tifosi, si godono un Inter in cooperativa.


💬 Commenti