Vidal ai saluti: si tratta per la risoluzione

Arturo Vidal vede il suo futuro sempre più lontano dall'Inter. Intanto però il centrocampista cileno, ha fatto una dichiarazione forte: "Ormai ci sono troppe partite, il calcio non è schiavitù".

Scritto da Mattia Bianchi  | 

Vidal saluta l'Inter: presto le trattative per la rescissione consensuale del contratto

La stagione appena conclusa sarà l'ultima di Arturo Vidal in nerazzurro con buone probabilità. Il centrocampista cileno, infatti, vede ormai il suo futuro lontano dall'Inter e anche dall'Europa. Come scrive La Gazzetta dello Sport oggi, il numero 22 nerazzurro nei prossimi giorni inizierà una trattativa con il club per la risoluzione consensuale del contratto. Nonostante la discussione debba ancora iniziare, la rosea afferma che l'Inter dovrà dare una buonuscita di circa €4 milioni a Vidal perché lascerà il club con un anno di anticipo. Per quanto concerne il suo futuro, ci sono due possibili strade in Sudamerica: terminare nel Colo Colo, squadra cilena che lo aveva lanciato anni fa, oppure il Flamengo (Brasile). 

Vidal e lo sfogo sui calendari del calcio di oggi: “Troppe partite, il calcio deve essere divertimento, non schiavitù”

Arturo Vidal ha fatto poi una sorta di sfogo in un'intervista a FIFPRO, il sindacato internazionale dei calciatori. Le sue parole sono state molto dure ed hanno riguardato la fitta rete di impegni dei calendari deli ultimi periodi: “Le partite di oggi sono troppe, dobbiamo ridurle. Questo mette a rischio tutti noi, non solo perché il rendimento tecnico cala ma anche a livello di salute non fa troppo bene. Diversi colleghi potrebbero trascorrere una carriera da calciatore di minor durata rispetto alle aspettative. Inoltre, giocatori che vengono da molto lontano come noi del Sudamerica fanno fatica a stare dietro agli impegni con le rispettive nazionali. Il calcio è festa e divertimento, non schiavitù”. 


💬 Commenti