Onana a Sport: "Barça prima opzione. Inter? Non ho l'accordo con nessuno"

Scritto da Marco Corradi  | 

André Onana (a scadenza con l'Ajax) spegne i rumours sul suo futuro e sull'accordo imminente con l'Inter, del quale si parla con insistenza quasi su ogni fonte italiana (di calciomercato e non). Il portiere camerunense, fresco di rientro dalla squalifica e già titolare nel Camerun e in Champions League con l'Ajax, si è raccontato quest'oggi ai microfoni di “Sport”: una lunga intervista al quotidiano di fede barcellonista, nella quale ha parlato delle difficoltà vissute nei nove mesi di stop, del suo rientro e del suo futuro. E sono proprio le dichiarazioni sul futuro a sorprendere, con Onana che di fatto “chiama” il Barça nella speranza che faccia un'offerta e nega l'accordo con l'Inter o con altri club. Dichiarazioni che potrebbero essere di facciata, come anche no, visto il forte rapporto dell'ex canterano blaugrana con l'ambiente barcellonista. Di seguito le parole di Onana.

ONANA: "INTER? NESSUN ACCORDO - “Lascerò l'Ajax e non rinnoverò. Quando apri una porta, un giorno ti troverai a chiuderla. E ora è arrivato il momento di farlo e aprirne un'altra. Ho fatto tutto il possibile qui, abbiamo fatto la storia. Ora inizia un nuovo percorso. Cosa mi aspetta ora? Ci sono tante squadre, ma non ho ancora scelto. Non sai mai cosa può succedere quando ti trovi a scadenza, perchè nel calcio non ci sono certezze. Valutiamo i vari progetti nell'attesa di scegliere quello che ci interessa maggiormente. L'aspetto sportivo è tutto, insieme al fatto di giocare ogni settimana ed essere il titolare. Voglio un club che lotti per ogni traguardo. Accordo con l'Inter? Si parla tanto, ma al momento io non ho l'accordo con nessuno. Ormai so come funziona, la stampa fa parte della mia vita". 

IL SOGNO-BARCELLONA - Nelle battute seguenti dell'intervista, Onana risponde a una domanda sull'interesse del Barcellona, e lo definisce la sua priorità per il futuro: “Sono sempre in contatto col Barcellona, ho un ottimo rapporto dal club da quando me ne sono andato (era cresciuto nella cantera, ndr). Il Barça è la mia casa e ci siamo sempre tenuti in contatto. Barça prima opzione? Ovviamente. Rappresenta la mia casa, sono cresciuto lì. So che un giorno giocherò al Camp Nou, non so ancora se col Barça o da avversario. Nel calcio non si sa mai e non ci sono certezze. Quelle le ha solo Dio”. 


💬 Commenti