Skriniar al centro e D'Ambrosio alla sua destra, più di un'idea d'emergenza?

Skriniar e D'Ambrosio tra gli eroi del derby d'Italia vinto dai nerazzurri: è il caso di rivederli insieme più spesso?

Scritto da Manuel Delon  | 
Skriniar e D'Ambrosio vs Juventus, fonte: Getty Images.

A volte non tutti i mali vengono per nuocere. A volte l'assenza del baluardo della difesa Stefan De Vrij non viene per nuocere se Skriniar al suo posto brilla ancor di più del solito e schierato nel ruolo usualmente occupato dallo slovacco D'Ambrosio eccelle.

Se sabato sera l'Inter ha vinto la sfida più importante della sua stagione, se può credere ancora nello scudetto - ora più che mai vista la frenata del Milan di ieri sera contro il Bologna a San Siro - lo deve soprattutto a Milan Skriniar e anche a Danilo D'Ambrosio che hanno tenuto in piedi il reparto difensivo egregiamente, senza subire nemmeno una rete.

Schieramento che si era già visto in questa stagione solo in occasione della sfida contro la Roma vinta dai nerazzurri con uno schiacciante 3-0. Una gara dominata su tutti i fronti, a partire anche da una difesa blindata che non ha concesso nulla alla formazione dell'amato ex Mourinho.

E allora perché non valutare di prendere in ipotesi la possibilità di presentarsi più volte con questo assetto De Vrij o non De Vrij?Certo, va premesso che a livello d'impostazione dal basso gli uomini d'Inzaghi andrebbero a perdere precisione e scorrevolezza senza l'olandese, un asso con i piedi.

Tuttavia, i pro di questa soluzione alternativa ne possono far valere la pena. Skriniar posizionato al centro della difesa riesce rendere decisamente meglio, come se fosse il suo ruolo ideale: prendete ad esempio quello che sta a braccetto, fortissimo; ecco, messo al centro è due volte più forte.

Mentre D'Ambrosio, che non sarà il tipo di calciatore che è un portento, grazie alla sua dedizione ed esperienza composta dai momenti - soprattutto - bassi e alti dell'ultimo decennio dell'Inter riesce a dare un contributo più che sufficiente. Inoltre, a livello di spinta, essendo originariamente un terzino, è di grande aiuto per l'esterno di centrocampo. E non bisogna dimenticarsi della sua affinità con il gol: decisivo nei momenti che contano; e della sua bravura ad evitarne: conterà giusto qualche salvataggio in meno di Handanovic.

Insomma, quella che fin'ora è stata solo un'idea da attuare in caso di emergenza forse è il caso di trasformarla in qualcosa di più. 

 

LEGGI ANCHE: Lautaro squalificato, con il Verona scatta l'ora di Correa

 


💬 Commenti